2003 - I luoghi del silenzio

dipignanosede

Una rassegna nell'ex convento dei Cappuccini di Dipignano. Il proverbiale ascetismo dei Cappuccini trova, con questa mostra, una giusta considerazione. La  concentrazione delle opere di questo pittore fa da perfetto accompagnamento a queste mura che, nella loro concentricità, ancora trasudano di silenzio. 

I Cappuccini sono famosi per le pratiche di inumazione  dei cadaveri, così in questa mostra  l'atteggiamento  rimemorativo congeniale a certe forme di monachesimo, viene definitivamente esplicitato. L'atteggiamento di ricerca attraverso materiali del tutto sconosciuti all'arte, la tensione infinita nella ricerca di documentazione anche dei più minuti fatti della quotidiani  attraverso ritagli di giornale, carte strappate o poveri oggetti consunti qui trova definitiva consacrazione.

Tutto viene utilizzato da questo artista, tutto viene nobilitato dall'arte che raggiunge in ogni opera il risultato di magnifica sontuosità della prima, dal titolo" il tesoro di Alarico"....Nelle opere di Salvatore Anelli si può leggere, in trasparenza, il percorso di un uomo attraverso i silenzi della memoria. Se a tutto questo, si aggiunge la seduzione del luogo, allora l'invito diventa decisamente irresistibile dimostrando la validità di una ricerca da accompagnare in tutte le stazioni.

Paolo Aita

Dati della mostra:

Pinacoteca Vitari in Dipignano (CS)  5 - 14 novembre 2003

Copyright © 2002 - 2017 Anelli Salvatore - Crediti