1992: Cani Randagi

Nel teatro la ricerca non è solo rappresentazione e simulazione della realtà ma un luogo in cui devono coabitare nuove sollecitazioni culturali, anche mediante l'uso di codici linguistici e strumenti operativi diversi.



E' in questo contesto che si inseriscono queste nostre esperienze pittoriche(S. Anelli, F. Flaccavento), nelle quali si immagina la scena come uno spazio vuoto, una tela bianca, sulla quale appuntare le angosce della vita e del vivere quotidiano, come se la pittura uscisse fuori dai margini del quadro per vivere in osmosi con lo spazio circostante.


Cantiere: studi grafici e allestimento delle scene utilizzando materiali di recupero
canirandagi-bozzetto-s canirandagi-cant1-s canirandagi-cant2-s
canirandagi-cant3-s canirandagi-cant4-s canirandagi-cant5-s
canirandagi-cant6-s canirandagi-cant7-s canirandagi-cant8-s

 

 installazione scenica di Cani randagi
canirandagi-instal1-s canirandagi-instal2-s
canirandagi-instal3-s canirandagi-instal4-s
canirandagi-instal5-s canirandagi-instal6-s



                                    Titolo: Cani Randagi
                                    Anno: 1992
                                    Luogo: Teatro dell'Acquario - Cosenza

                                    Regia: Massimo Costabile
                                    Installazione Scenografica: Salvatore Anelli e Franco Flaccavento
                                    Testi: Franco Dionesalvi

Copyright © 2002 - 2017 Anelli Salvatore - Crediti