2010 - Tornare@Itaca - arte per la legalità

mudima

Ritorno è desiderio di rifare il cammino della propria vita e il viaggio che rappresenta la modalità stessa del vivere prevede soste e stazioni per cui sia possibile voltarsi indietro. Ma il ritorno è accompagnato dalla consapevolezza della sua impossibilità. Chi lo compie è cambiato così come i luoghi e le persone da cui è partito.E mutato rispetto alla partenza è il punto di vista che si è caricato di altre soste, altri accadimenti che hanno resa diversa la prospettiva.

 

Non è più uno sguardo innocente quello con cui si guardano i luoghi e le persone del congedo. Spesso il ritorno fisico, materiale, non è possibile, eppure questo sguardo à rebours è necessario per acquisire coscienza di sé e riannodare il filo conduttore della propria vita.  

La consapevolezza , conquistata col passare degli anni, che il tempo non è infinito conferisce valore all’esperienza del vivere e ritrovare le proprie radici è un indispensabile ancoraggio per non lasciarsi travolgere dalla corrente impetuosa dei cambiamenti e ritrovare la strada di cui si erano perse le tracce.  

Il ritorno è racconto. E’ narrazione e ha una dimensione letteraria. Ci raccontiamo una storia che cambia con gli anni, sempre la stessa, eppure diversa. Cambiano le inquadrature, e col tempo, le prospettive si falsano. Ciò che è enormemente lontano è messo nitidamente a fuoco e il passato prossimo ha i contorni incerti. La consapevolezza dell’agito con la conseguente assunzione di responsabilità diventa vissuto. 

Si colora a volte di rimpianto o di rammarico di non poter tornare indietro per non rifare gli errori commessi perché la riparazione tardiva non cancella i danni prodotti.  

La mostra “Tornare @ ltaca” diventa in questa prospettiva la simulazione di un viaggio collettivo che il critico, l’organizzatore, gli artisti compiono insieme. E Itaca E Itaca diventa simbolo della Calabria e del Sud.  

La dedica della mostra alla legalità sta ad indicare che il ritorno al passato non ha senso se non è sguardo rivolto al futuro e che per la Calabria e per il Sud non c’è futuro senza legalità. E’ per questo che la Fondazione Mudima ospita la rassegna” Tornare @ Itaca - Arte per la legalità”, proposta da Vertigo Arte, la quale se n’è assunta l’organizzazione, per sostenere anche con la vendita delle opere in mostra.  

L’Associazione “libera”, che nella Valle del Marro e con la guida di Don Pino De Masi mette a frutto i terreni confiscati alle cosche indicando un cammino e una da seguire. Con la speranza e l’augurio di contribuire alla presa di coscienza e alla soluzione di un problema da cui dipende non solo il futuro della Calabria, ma dell’Italia tutta. 

Gino Di Maggio

Un muro di storia

Un muro di storia

Salvatore Anelli, Antonio Baglivo, Antonio Saladino, Antonio Pujia Veneziano, Pasquale Maria Cerra, Francesco Antonio Caporale, Gianfranco Budini, Anna Maria Cucci, Lillo Giuliana, Guido Mariani, Giuseppina Riggi, Calogero Barba, Max Marra, Gabriella Di Trani, Antonio Pizzolante, Juan Esperanza, Ettore Moschetti, 

Cerca

Nel segno del dono

Opere degli artisti

Salvatore Anelli, Cesare Berlingeri, Salvatore Dominelli, Franco Flaccavento, Francomà, Alfredo Granata, Franco Groccia, Bruno La Vergata, Luigi Magli, Serafino Maiorano, Sabrina Marotta, Rocco Pangaro, Mario Parentela, Salvatore Pepe, Tarcisio Pingitore, Aldo Presta, Antonio Pujia Veneziano, Giulio Telarico, Vincenzo Trapasso.

tornare@itaca - arte per la legalità

Opere degli artisti

Salvatore Anelli, Caterina Arcuri, Antonio Baglivo, Cesare Berlingeri, Maria Amalia Cangiano, Dario Carmentano, Lucilla Catania, Luce Delhove, Mariangela De Maria Giulio De Mitri, Teo De Palma, Marcello Diotallev,i Mavi Ferrando, Franco Flaccavento, Rosanna Fiorino, Francesco Guerrieri, Anna lambardi, Felice Levini, Ruggero Maggi, Lucio Perna, Lucia Pescador, Antonio Pugliese, Antonio Pujià Veneziano, Fiorella Rizzo, Martina Roberts, Mirella Saluzzo, Giuseppe Salvatori, Giulio Telarico, Armanda Verdirame, Antonio Violetta

Copyright © 2002 - 2019 Anelli Salvatore - Crediti